Istruzione formazione e gioventù

ERASMUS+ - PROGRAMMA DELL'UE PER L'ISTRUZIONE, LA FORMAZIONE, LA GIOVENTÙ E LO SPORT (2014-2020).


Obiettivi generali

Il programma comunitario intende contribuire agli obiettivi stabiliti in materia di istruzione dalla strategia Europa 2020, nonché agli obiettivi del quadro strategico per la cooperazione europea nell'istruzione e nella formazione (ET2020) e del quadro rinnovato di cooperazione europea in materia di gioventù (2010-2018), allo sviluppo sostenibile dei Paesi terzi nel settore dell'istruzione superiore, e allo sviluppo della dimensione europea dello sport, con particolare riferimento al livello amatoriale.

 

Azioni finanziabili

Il programma è strutturato in tre azioni fondamentali per l'istruzione, la formazione e la gioventù e in due azioni specifiche per il sostegno alla ricerca e all'insegnamento in materia di integrazione europea e al settore dello sport.

 

Azione chiave 1 – Mobilità individuale a fini di apprendimento

  • Mobilità individuale per l’apprendimento (KA1)
  • Mobilità dello Staff (in particolare docenti, leader scolastici, operatori giovanili)
  • Mobilità per studenti dell’istruzione superiore e dell’istruzione e formazione professionale
  • Garanzia per i prestiti
  • Master congiunti
  • Scambi di giovani e Servizio Volontario Europeo

 

Azione chiave 2 – Cooperazione per l’innovazione e le buone pratiche

  • Partenariati strategici tra organismi dei settori educazione/formazione o gioventù e altri attori rilevanti, Partenariati su larga scala tra istituti di istruzione e formazione e il mondo del lavoro
  • Piattaforme informatiche: gemellaggi elettronici fra scuole eTwinning, Portale europeo per i giovani settore Gioventù, Epale per l’educazione degli adulti
  • Alleanze per la conoscenza e per le abilità settoriali e cooperazione con paesi terzi e paesi di vicinato.

 

Azione chiave 3 – Riforma delle politiche

  • Sostegno all’agenda UE in tema di istruzione, formazione e gioventù mediante il metodo del coordinamento aperto, iniziative di prospetto, strumenti EU per il riconoscimento, disseminazione e valorizzazione, dialogo politico con stakeholders, paesi terzi e organizzazioni internazionali.

 

Attività Jean Monnet

  • Moduli, cattedre, centri di eccellenza accademici per intensificare la formazione negli studi sull’integrazione europea rappresentati in un curriculum ufficiale di un’istituzione di istruzione superiore, nonché per svolgere, monitorare e sorvegliare la ricerca sull’argomento UE, anche per altri livelli di istruzione come la formazione degli insegnanti e la scuola dell’obbligo.
  • Sostegno al dibatto politico con il mondo accademico, attraverso:
    – Reti per rafforzare la cooperazione tra diverse università in Europa e in tutto il mondo
    – Progetti per l’innovazione, l’integrazione e la diffusione dell’argomento UE
  • Sostegno agli istituti e alle associazioni, per organizzare e svolgere le attività statutarie delle associazioni che hanno a che fare con gli studi sull’UE e con le questioni che la riguardano
  • Studi e conferenze allo scopo di fornire ai responsabili politici nuove opinioni e suggerimenti concreti attraverso punti di vista indipendenti, critici e accademici e riflettere sulle questioni attuali dell’UE.

 

Sport

  • Partenariati di collaborazione, allo scopo di combattere il doping nello sport di base, soprattutto in ambienti ricreativi come lo sport e il fitness praticati a livello amatoriale, di sostenere la prevenzione e la sensibilizzazione tra le parti coinvolte nella lotta contro le partite truccate, nonché approcci innovativi per contenere la violenza e fronteggiare il razzismo e l’intolleranza nello sport
  • Rafforzamento della base di conoscenze comprovate per la definizione di politiche attraverso studi, raccolta di dati, sondaggi, reti, conferenze e seminari che diffondono le buone pratiche provenienti dai paesi aderenti al programma e dalle organizzazioni sportive e rinforzano le reti a livello dell’UE
  • Dialogo con le parti interessate europee, attraverso la principale attività pianificata per il dialogo, ossia il Forum annuale dell’UE sullo sport
  • Sostegno alle iniziative della presidenza riguardanti lo sport organizzate dagli Stati membri dell’UE che esercitano il semestre di presidenza dell’UE.

 

Beneficiari
Organizzazioni, pubbliche e private, attive nei settori dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport. Le organizzazioni devono essere stabilite in uno dei c.d. Paesi partecipanti al programma; alcune azioni sono aperte anche ad organizzazioni dei c.d. Paesi partner.

 

Paesi partecipanti

  • UE 28: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.
  • EFTA/SEE: Norvegia, Islanda, Liechtenstein.
  • Svizzera.
  • Paesi candidati effettivi all'UE (marzo 2015): Ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Montenegro, Turchia, Serbia, Albania.
  • Paesi candidati potenziali all'UE (giugno 2014): Bosnia-Erzegovina, Kosovo (ai sensi della Risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza dell'ONU).
  • Paesi terzi, in particolare i Paesi della politica europea di vicinato: Algeria, Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Egitto, Georgia, Israele, Giordania, Libano, Libia, Moldavia, Marocco, Siria, Tunisia, Ucraina, Autorità palestinese.

 

Risorse finanziarie
14.774.524.000 EURO.

Documenti ufficiali
Regolamento (UE) n. 1288/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell'11 dicembre 2013 che istituisce "Erasmus+": il programma dell'Unione per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport e che abroga le decisioni n. 1719/2006/CE, n. 1720/2006/CE e n. 1298/2008/CE.


Richiedi informazioni!

Per la tua impresa, organizzazione culturale, scuola, associazione no-profit

Informativa estesa sull'uso dei cookies